Our Work

Il processo di recupero sta andando lentamente nei villaggi in cui CADIS è intervenuto all'inizio dell'emergenza. Tende utilizzate come rifugi temporanei e centri di evacuazione sono ancora visibili lungo l'autostrada. Le case non sono state ancora ricostruite. Alcune tra le vittime sono nelle case di fortuna abbastanza coperte per proteggersi dalla pioggia. Le altre, che non hanno altre possibilità sono rimaste nei rifugi di evacuazione forniti dal governo, nonostante le loro condizioni scomode perché troppo piccoli per una famiglia, e sommersi d’acqua quando piove. Gli sforzi di soccorso a Lombok stanno diminuendo dopo il terremoto più devastante a Palu. I servizi di soccorso e i volontari si sono trasferiti a Palu lasciando i sopravvissuti di Lombok a sé stessi nella sofferenza.
Il progetto di sostegno del governo per i sopravvissuti di Lombok è rimasto stagnante e sembra inattivo. Infatti, fino ad oggi, la maggior parte delle famiglie non ha ricevuto i 50 milioni di rupie (4,700 USD) promesso dal Pres. J. Widodo dell'Indonesia. Secondo i sopravvissuti, i requisiti per avvalersi dei fondi sono fastidiosi e complicati. Solo pochi erano in grado di ricostruire le loro case di tasca propria, mentre la maggior parte deve battagliare ostacolare per trovare i mezzi
Alcuni hanno iniziato a cercare lavoro per la loro sopravvivenza quotidiana. Tuttavia, non è facile, poiché anche molti datori di lavoro sono stati colpiti e non hanno ancora completamente recuperato le loro attività.
Il villaggio di Lenek, che è prevalentemente una comunità buddista, sta cercando di ricostruirsi le sue proprie iniziative. I sopravvissuti non ricevono molto soccorso e aiuti finanziari dal governo. Anche l'assistenza privata dei donatori è scarsa. È questo villaggio che CADIS, secondo la sua visione e il suo principio, ha scelto di accompagnare per la riabilitazione in partenariato con la Fondazione Albero della Vita (FADV).
La maggior parte dei sopravvissuti è rimasta con i loro parenti in attesa della ricostruzione delle proprie case. Alcuni di loro hanno scelto di rimanere nei loro rifugi improvvisati piuttosto che nei rifugi temporanei del governo.
Uno dei principali problemi degli abitanti di questo villaggio è l'accesso all'acqua potabile. Infatti, la gran parte dei pozzi necessitano riparazione e riabilitazione. Il sistema idrico installato dal governo non funziona più poiché dopo il terremoto molti tubi sono stati rotti. Il governo non ha ancora fatto nessuna riparazione. Fortunatamente, hanno ancora i vecchi pozzi (20-30 metri di profondità) ma che hanno bisogno di una riabilitazione immediata e di pompe idrauliche per facilitare l’accesso all'acqua.
Con l’intervento di CADIS due pompe sono state già riparate e installate più di un mese fa, ma ce ne sono altre otto (8) pozzi che necessitano ancora riabilitazione e pompe. CADIS sta cercando fondi per fornire l’acqua potabile alle 255 famiglie di questo villaggio. Durante la nostra visita, abbiamo offerto 3 tipi di pompe alla comunità. Da oggi, sono 6 i pozzi che funzionano tra cui uno che è stato riparato da un'altra organizzazione.
Il bisogno più urgente adesso è la ricostruzione delle loro case. Nel frattempo, la comunità sta preparando la sua proposta a CADIS per l'assistenza nella ricostruzione delle abitazioni.
Notiamo la presenza di altre organizzazioni che stanno dando assistenza ai bambini del villaggio sul campo dell’educazione e dell’alimentazione.
P. Andi Suparman, MI

Um unsere Website für Sie optimal zu gestalten verwenden wir Cookies. Durch die weitere Nutzung der Website stimmen Sie dieser Verwendung zu. Mehr Infos.