Our Work

Il progetto "Rafforzare la leadership indigena e la capacità della comunità della Thailandia settentrionale verso l'inclusione sociale e lo sviluppo sostenibile" è iniziato nel 2018. Viene attuato nelle diocesi di Chiang Mai e Chiang Rai, nel nord della Thailandia. I beneficiari del progetto sono gruppi di minoranze etniche che abitano le regioni montuose del nord, le parti occidentali della Thailandia e il lato confinante con il Laos e il Myanmar, compresi i nativi thailandesi nella provincia di Phayao.

L'obiettivo principale del progetto a lungo termine è quello di rafforzare la leadership indigena e la capacità delle comunità delle tribù di collina della Thailandia settentrionale verso l'inclusione sociale e lo sviluppo sostenibile. Il progetto cerca di assistere le comunità colpite dal cambiamento climatico e, soprattutto, la protezione dei diritti fondamentali dei piccoli agricoltori indigeni, formando e sviluppando la capacità dei potenziali giovani leader della comunità. Saranno loro, infatti, a svolgere il lavoro nelle loro rispettive comunità in futuro.

Il partner di CADIS in Thailandia per questo progetto è il Research and Training for Religion and Culture (RTRC), con sede a Chiang Mai e diretto da Padre Niphot Thianwihan.


2018-2019: La prima fase
Nonostante le molte difficoltà legate all'incapacità degli agricoltori di far fronte alla domanda di produzione del mercato, alla mancanza di competenze in materia di bilancio finanziario e contabilità, al cambiamento climatico, nonché alla crisi politica con l'imposizione del governo militare dal 2017 e ai problemi di coordinamento interno all'organizzazione RTRC, il progetto ha ottenuto quanto segue:
- Rafforzamento delle famiglie indigene nell'agricoltura sostenibile resiliente al cambiamento climatico attraverso azioni di capacity building, formazione e apprendimento partecipativo;
- Sistemi agricoli indigeni sostenibili documentati, diffusi e promossi verso la sovranità alimentare e l'autosufficienza, comprese le donne leader indigene;
- Advocacy e protezione dei diritti dei contadini e promozione della cultura indigena, coordinata con diverse organizzazioni come ONG, gruppi per i diritti umani, fondazioni, organizzazioni ecclesiali coinvolte in campagne di giustizia e pace;
- Rete di donne indigene, considerate in prima linea nelle parrocchie e nelle comunità;
- Formazione di giovani leader indigeni, educati alla leadership comunitaria e all'impegno attivo per i diritti umani fondamentali.

2020-2021: la diffusione della pandemia
Dai primi casi di Covid-19, la situazione è peggiorata all'inizio del 2020 fino ad oggi. Questa condizione ha reso RTRC incapace di implementare qualsiasi attività di progetto come previsto. Poi, all'inizio del 2021, c'è stato un secondo lockdown: molte persone hanno perso il lavoro e il reddito, soprattutto lavoratori migranti dal Myanmar coinvolti nei settori turistici. Allo stesso tempo, i beneficiari del progetto sono confinati nelle loro rispettive comunità per contenere il rischio di infezione e diffusione del virus.
Pertanto, da gennaio 2020 a novembre 2021, RTRC ha riproposto le attività iniziali previste dal progetto, a seconda delle diverse comunità.

Comunità Karen
Cinque attività sono state implementate nelle comunità Karen: quattro progetti per sistemi di agricoltura comunitaria integrale e fattorie di base in due centri di accoglienza e due comunità e un progetto di costruzione di una rete sostenibile per l'ambiente nel villaggio di Nongtao.

Nel villaggio di Muang Ngam, l'obiettivo principale della formazione è il concetto di rafforzamento della sicurezza alimentare della comunità attraverso sistemi di agricoltura biologica integrale, che si orienterà verso la banca del cibo e la banca di erbe medicinali della comunità. L'attuale centro di apprendimento dell'agricoltura integrata si svilupperà per essere un modello di apprendimento eco-spirituale per i bambini, gli studenti e le persone interessate a Muang Ngam e nei villaggi vicini.

Nel distretto di Om Koi, provincia di Chiang Mai, sono ospitati 25 studenti provenienti da diverse zone di montagna. Lo scopo è quello di aiutare gli studenti a produrre cibo sicuro. In secondo luogo, gli studenti acquisiranno conoscenze, abilità ed esperienza lavorando con cibo da agricoltura biologica. Il centro alleva polli, anatre, pesci, maiali e coltiva diversi tipi di verdure e altre piante commestibili locali nel giardino.

Nel villaggio di I-Tu-Tha, situato al confine con il Myanmar, ci sono 300 famiglie sparse lungo la riva del fiume Salween. I problemi principali sono la mancanza di terra per l'agricoltura, i sistemi idrici e i sistemi agricoli tradizionali. Ci sono due progetti di agricoltura integrata per fornire formazione sulla conoscenza, le abilità e la produzione di compost, il germogliare delle piantine e le attrezzature agricole per i giovani studenti e gli abitanti del villaggio. A causa della pandemia di Covid-19, il programma è rimandato fino a quando la situazione migliorerà.

Lo sviluppo delle capacità per la creazione di un ambiente sostenibile è andato avanti. L'idea principale è quella di sviluppare un modello di conversione ecologica nei bambini e nei giovani. Il signor Jaroen Dinu, che ha seguito la formazione alla RTRC, ha facilitato questo processo.
Questo è ciò che la Lovely Garbage Learning School ha fatto. L'idea è quella di imparare a cambiare la mentalità dei bambini e dei giovani dal punto di vista di guardare le cose da una prospettiva negativa in positiva, in linea con l'enciclica di Papa Francesco Laudato Si' "Conversione ecologica" tra i giovani. Questa attività innovativa trasforma la spazzatura (cose negative all'interno della comunità) in strumenti musicali, case, bagni pubblici, ecc.

Durante l'epidemia di Covid-19, la scuola Lovely Garbage ha organizzato corsi online per altri gruppi per aumentare la consapevolezza del cambiamento climatico attraverso attività di ripristino come visite di studio nella foresta e piantagione di alberi.

Comunità Red-Lahu
Ci sono due progetti di allevamento di maiali a Chiang Mai e tre nella provincia di Chiang Rai, per 24 membri coinvolti. Questi progetti di allevamento di maiali nei villaggi Red-Lahu aiuteranno a creare fonti alternative di reddito immediato per la comunità durante l'epidemia di covid-19.

In quest'area, RTRC ha organizzato due forum per i capi spirituali Red-Lahu sia a Chiang Rai che nella provincia di Chiang Mai, con un totale di 291 capi spirituali.


Area di lavoro di Phayao
Nell'area di lavoro di Phayao, c'è un'agricoltura comunitaria integrata con la tribù Lizu, che coinvolge 20 famiglie. Il popolo Lizu, specialmente le donne Lizu, vogliono sviluppare le loro sementi locali, l'elemento essenziale per qualsiasi progetto di sviluppo agricolo per garantire la sicurezza alimentare e l'autosufficienza. Il problema comune è la mancanza di terra per la coltivazione e di fondi per l'agricoltura. Ci sono una scuola cattolica dall'asilo alla sesta classe, un centro di formazione professionale per giovani donne e un centro per seminaristi. Gli studenti, le giovani donne e i seminaristi sono i leader della chiesa e della comunità del futuro.

Tra i villaggi, RTRC si è concentrato sui giovani leader indigeni Lahu. Alcuni dei giovani Lahu non hanno diritto come cittadini thailandesi, quindi non vedono riconosciuti i diritti delle terre per l'agricoltura, hanno meno opportunità di istruzione. Sono più esposti alla povertà e alla tossicodipendenza. Inoltre, i giovani Lahu sono affascinati dallo stile di vita moderno e meno interessati ai loro valori culturali tradizionali.

I programmi di formazione RTRC insegnano non solo le conoscenze e le abilità, ma anche un modo di pensare, la mentalità, il cuore, le mani e la testa, tutti elementi che contribuiscono allo sviluppo della persona. La squadra affronta molti ostacoli diversi senza arrendersi. La preoccupazione principale riguarda la difficoltà per i leader Lahu di impartire conoscenza e saggezza alle generazioni più giovani. La preoccupazione è che quando gli anziani moriranno, nella comunità Lahu non verrà lasciato nulla. Per questo motivo, i leader spirituali Lahu considerano questo problema come cruciale.


Un'importante attività realizzata nell'ambito del progetto è l'incontro con i rappresentanti indigeni per preparare la trasmissione della saggezza e l'emergere della Scuola Asiatica di Saggezza (ASW). Cinquanta rappresentanti di sei tribù, come Karen, Lawa, Lahu, Kachin, Akha e nativi Thai, hanno relazioni intrecciate con la natura, l'essere umano e l'Essere Assoluto. Questa connessione scomparirà lentamente dal credo e dalla visione del mondo della gente. Attualmente, le persone vedono la natura solo come oggetto o materiali per il loro beneficio. La società enfatizza l'individualismo più che il senso di cura per gli altri e per l'ambiente.

In questo contesto, RTRC è visto come "uno spazio per le persone ispirate dallo spirito e dalle culture indigene" che cercano di esercitare questo "potere sacro" per la trasformazione di sé e della società in questi tempi di cambiamento, per la realizzazione di uno stile di vita più contemplativo e profetico caratterizzato da resilienza e autosufficienza.

Um unsere Website für Sie optimal zu gestalten verwenden wir Cookies. Durch die weitere Nutzung der Website stimmen Sie dieser Verwendung zu. Mehr Infos.