Il tifone Rai (nome locale Odette) si è abbattuto sulle Filippine orientali giovedì 16 dicembre, devastando le isole e le comunità costiere delle Filippine orientali e creando un percorso di devastazione, inondando villaggi e città in tutto il paese. È considerata una delle tempeste più potenti a colpire le Filippine dopo il tifone Haiyan (Yolanda). La super tempesta ha causato inondazioni diffuse per milioni di persone colpite dall'impatto sociale ed economico della pandemia COVID-19.

Oltre 780.000 persone sono state colpite dal tifone. Il tifone si è abbattuto nove volte in sette province il 16-17 dicembre. La popolazione totale in queste province è di oltre otto milioni di persone. 400.000 persone hanno bisogno di aiuti urgenti e di sostegno a lungo termine, tra cui alloggi e assistenza per il sostentamento.

Sono in corso le prime valutazioni da parte delle autorità locali e delle agenzie umanitarie competenti. L'entità dei danni alle vite e alle proprietà non è ancora determinata a causa della difficoltà di raggiungere le comunità colpite e della mancanza di energia e di segnali internet. La maggior parte dei sopravvissuti sono isolati, senza casa e indifesi.


(Fonte: Erwin MASCARINAS / AFP)

I bisogni prioritari includono pacchi di cibo, pasti pronti per essere consumati, acqua potabile, medicine, personale medico, attrezzature di protezione personale, abbigliamento (comprese le calzature e l'attrezzatura per la pioggia), attrezzature e utensili da cucina, kit familiari, ripari e materiali per dormire, kit per l'igiene, kit per i disastri e borse impermeabili.

Nella quarta domenica di Avvento, Papa Francesco durante l'Angelus ha fatto appello al mondo per essere con i sopravvissuti che sperano di celebrare il Natale con i loro cari in questa parola: "Esprimo la mia vicinanza al popolo delle Filippine colpito da un forte tifone, che ha distrutto molte case. Che il Santo Niño porti consolazione e speranza alle famiglie più bisognose; e che ispiri a tutti noi un aiuto concreto! Il primo vero aiuto è la preghiera".

In risposta al "grido dei poveri", Camillian Disaster Service International (CADIS) sta conducendo un'operazione di soccorso in collaborazione con la Società degli ex seminaristi camilliani di Bohol.

Mentre ci avviciniamo alla celebrazione del Natale, facciamo sentire i nostri sinceri auguri di pace e giustizia nel mondo ai sopravvissuti di questo super tifone Rai. Potete condividere le vostre benedizioni attraverso CADIS:


DESTINATARIO: Fondazione Camillian Disaster Service International – CADIS
INDIRIZZO: Piazza della Maddalena, 53 – 00186 Roma
BANCA: DEUTSCHE BANK
IBAN: IT13T 03104 03202 00000 08402 70
BIC-SWIFT: DEUTITM1582
INDIRIZZO BANCA: Largo di Torre Argentina, 4, 00186 Roma
Oppure
PAYPAL "DONA ORA" sul sito cadisinternational.org