top1.svg
butto1.svg
cdsi_whitelogo
h3-bg04
phone-with-wire.svg

+39 06 89 92 81

cdsi_large transparent

INFO E CONTATTI

Per maggiori informazioni: info@cadisinternational.org

Piazza della Maddalena, 53

00186 Roma
 

+39 06 89 9281

info@cadisinternational.org

Piazza della Maddalena, 53

00186 Roma
 

+39 06 89 9281

info@cadisinternational.org

La Fondazione CADIS (Camillian Disaster Service) International è un'organizzazione umanitaria e di sviluppo senza scopo di lucro, legalmente registrata, dell’Ordine dei Ministri degli Infermi (Camilliani).
 

I progetti di CADIS


facebook
instagram
twitter
youtube
linkedin

www.cadisinternational.org @ All Right Reserved 2024 - Sito web realizzato da Wishraiser

www.cadisinternational.org @ All Right Reserved 2024 - Sito web realizzato da Wishraiser

Primo report del progetto di resilienza CADIS a Cebu City, Filippine

2024-03-13 09:52

author

News,

Primo report del progetto di resilienza CADIS a Cebu City, Filippine

Il progetto biennale per lo sviluppo di una gestione comunitaria dei disastri che integri l'assistenza sanitaria di base e la sicurezza alimentare.

Il progetto biennale per lo sviluppo di una gestione comunitaria dei disastri che integri l'assistenza sanitaria di base e la sicurezza alimentare è in corso in quattro comunità urbane povere di Cebu City, nelle Filippine. È attuato dal Visayas Primary Healthcare Services, Inc. (VPHCS) in collaborazione con CADIS International e con il sostegno della Conferenza episcopale italiana.

Le aree del progetto comprendono i seguenti insediamenti informali di Cebu City, ovvero: Sitio Lawis, Barangay Pasil, Sitio Tierra Dulce, Barangay Inayawan, Sitio Wang Yu, Barangay Mambaling, e Sitio Nangka Ville, Barangay Quiot.

Tutte le aree del progetto, con una popolazione totale di 972 famiglie, sono vulnerabili agli incendi. Molte case sono per lo più costruite in legno, bambù, plastica dura e altri materiali leggeri, con tetti in lamiera zincata, mentre solo poche case sono in cemento. Le unità abitative sono situate a un paio di metri l'una dall'altra in ambienti congestionati, con solo piccoli vicoli sufficienti per far camminare una o due persone. Tutte le aree sono inoltre soggette a inondazioni a causa dello scarso drenaggio.

Il progetto è iniziato con un incontro dello staff del progetto con i membri delle organizzazioni popolari (OP) a giugno 2023. Durante gli incontri si è discusso del progetto e si è firmato un accordo di collaborazione e si è formulato un sistema di pianificazione, attuazione, monitoraggio e valutazione. Tutte e quattro le OP hanno espresso con entusiasmo il loro sostegno al progetto.

L'unificazione del progetto è stata seguita da incontri del personale del progetto e dei leader delle quattro OP con i consigli dei barangay delle quattro aree del progetto nel giugno 2023 e le tre parti in ogni barangay hanno firmato un memorandum d'intesa separato per cooperare nel progetto. Ai membri dell'OP e ai consiglieri comunali sono state distribuite copie di un opuscolo sul progetto.

en_58386_pzfzbazleihorbmqjdrtslmspcetohabjnd_2.jpeg

Nei mesi di giugno e luglio è stato organizzato un seminario di un giorno sulla gestione dei disastri a livello comunitario (CBDM) per ogni PO. Gli argomenti trattati comprendevano la definizione di disastro, rischio, vulnerabilità e capacità, i diversi tipi di disastri, i settori vulnerabili agli effetti dei disastri e la situazione nazionale e locale dei disastri. L'ultimo argomento è stato un orientamento sul CBDM, la sua storia nelle Filippine, gli obiettivi, le caratteristiche e la formazione del Comitato Comunitario di Gestione dei Disastri (CDMC) in ogni area. A ogni seminario hanno partecipato i funzionari e i membri dell'OP.

I seminari sul CBDM sono stati seguiti da seminari di tre giorni sulla valutazione partecipativa del rischio climatico e di catastrofe (PACDR), a cui hanno partecipato dieci membri del Comitato comunitario per la gestione dei disastri (CDMC) e cinque funzionari di ciascun PO, oltre a tre membri del rispettivo Consiglio per la riduzione e la gestione del rischio di disastri (BDRRM). Un seminario congiunto si è tenuto per i PO di Sitio Nangka Ville e Sitio Wang Yu, mentre un seminario si è tenuto per Sitio Lawis e il terzo seminario per Sitio Tierra Dulce.

en_16973_fabineoborelqmzdlpmdcsjhzjtzsrtbpha_2.jpeg

I corsi di formazione hanno aumentato la consapevolezza sulle azioni preventive e sulle misure di preparazione da intraprendere che possono ridurre in modo sostanziale i danni causati dai disastri. I partecipanti hanno anche formulato la loro Valutazione partecipativa del rischio di catastrofi, che comprende strumenti come la mappatura della comunità, l'inventario delle risorse, l'analisi dei rischi e la mappatura dei pericoli.

en_51404_oqrblazjmazniphphsezjfotermbddctslb_2.jpeg

I corsi di formazione sono stati seguiti da due corsi di formazione sulla pianificazione della gestione dei disastri a livello comunitario (CBDM). Ad agosto si è tenuto un corso di formazione per i PO di Sitio Nangka Ville e Sitio Wang Yu, mentre a settembre si è tenuto un altro corso per Sitio Tierra Dulce e Sitio Lawis. Ogni formazione è durata tre giorni.

en_76870_tesrzohsbapdmzfhpeqblbjjtrzmiadlnoc_2.jpeg

Dieci membri del CDMC e cinque funzionari dell'OP e cinque membri del DRRMC del barangay hanno lavorato e formulato i rispettivi piani CBDM. I piani comprendono attività di educazione, organizzazione e mobilitazione dei membri della comunità per ridurre i rischi e mitigare gli effetti dei disastri.

en_40777_jhrszpalnedfbadbzzltmreicophjbmoqst_2.jpeg

Dopo i seminari sulle catastrofi, a ogni OP sono stati consegnati dei kit per le catastrofi, costituiti da torce elettriche, fischietti, corde, radio a transistor, megafono e altri oggetti da utilizzare da parte del CDMC in caso di disastri.

Dopo la formazione sulla preparazione ai disastri, i partecipanti hanno trasmesso i risultati della formazione agli altri membri delle loro organizzazioni e i piani sono stati attuati. Nel Sitio Lawis, a Pasil, i membri dell'associazione hanno effettuato una massiccia pulizia del fiume accanto al sitio, che può straripare e causare inondazioni nel sitio. Le organizzazioni femminili hanno anche coordinato la raccolta dei rifiuti domestici con i funzionari dei quattro barangays, per ridurre al minimo lo scarico selvaggio di rifiuti che ostruirebbe le fognature delle case e impedirebbe le inondazioni. Le organizzazioni femminili hanno diffuso informazioni nelle comunità sui pericoli che possono causare incendi, come l'uso di lampade a olio, candele, caricabatterie per cellulari e ventilatori elettrici collegati e alimentati da cavi elettrici improvvisati, oltre a una massiccia opera di educazione sui rischi comuni di incendio e sulle precauzioni e pratiche di sicurezza per la prevenzione degli incendi. Si è registrata un'ampia collaborazione tra i residenti delle quattro comunità.

Inoltre, grazie alle pressioni esercitate dall'Associazione femminile di Sitio Nangka Ville presso l'unità governativa locale, il consiglio del barangay di Quiot ha donato alla comunità tre estintori che sono stati collocati nelle case strategiche di tre membri dell'associazione. I pompieri del BDRRM hanno anche insegnato loro come utilizzare l'attrezzatura.

Il prossimo anno il BDRRM condurrà esercitazioni antincendio a livello comunitario.

I disastri comportano inevitabilmente emergenze sanitarie e le comunità devono far fronte a queste emergenze insieme ai duri effetti che si verificano dopo un incendio, un tifone o una frana. Gli operatori sanitari della comunità devono essere formati al primo soccorso.

Inoltre, è necessario mantenere una buona salute della popolazione, in modo che non si ammali quando si verificano i disastri, o che quando si ammala abbia un'assistenza sanitaria adeguata, che molti non possono permettersi di avere a causa delle ristrettezze economiche, per cui c'è anche la necessità di responsabilizzare la comunità in termini di assistenza sanitaria primaria.

Per questo motivo, nel dicembre 2023 sono stati organizzati corsi di formazione sulle competenze sanitarie di base per i membri del comitato sanitario delle quattro associazioni femminili. In ciascuno dei due corsi, della durata di tre giorni per ogni formazione e a cui hanno partecipato due associazioni, gli operatori sanitari comunitari (CHW) sono stati formati sulla prevenzione delle malattie, sulla promozione della salute e sull'assistenza curativa selettiva, ovvero sull'assistenza sanitaria primaria a livello comunitario. Gli argomenti trattati comprendevano il sistema sanitario filippino, l'orientamento sul programma sanitario basato sulla comunità (CBHP), i rimedi casalinghi per le malattie comuni utilizzando la terapia dell'acqua, il primo soccorso, il controllo delle infezioni respiratorie acute e delle malattie diarroiche tra i bambini, l'ipertensione e il diabete.

L'ultimo giorno di formazione è stato dedicato alla pianificazione delle attività sanitarie nelle comunità. Esse consistevano nella misurazione della pressione arteriosa per lo screening e il monitoraggio dell'ipertensione, nell'educazione sanitaria sulle malattie comuni e sui loro rimedi casalinghi, nella preparazione di medicinali a base di erbe, nella coppettazione e nelle visite a domicilio dei bambini malati di tosse e diarrea da parte degli operatori sanitari formati. La formazione sulle competenze sanitarie si è conclusa con la distribuzione di kit sanitari composti da sfigmomanometri, stetoscopi, bilance, termometri, farmaci essenziali, materiale di primo soccorso e altre forniture sanitarie di base.

is1.png

LASCIA LA TUA MAIL

Iscriviti alla Newsletter e rimani aggiornato sulle attività di CADIS International